Psicoterapeuta a Messina

La Psicoterapia psicoanalitica proposta dalla Dott.ssa Nadia Barberis, Psicologo a Messina, è una forma di psicoterapia che guarda al sintomo come ad una “formazione di compromesso”. La cura si realizza attraverso la relazione fra terapeuta e paziente, anzi è proprio la relazione che (è) cura. Nell’intimità della relazione terapeutica il paziente trova un sollievo alla sua sofferenza, risolve i suoi conflitti, riesce a risignificare i propri vissuti e in questo spazio interpsichico e intrapsichico può tessere nuove trame della propria esistenza.

slide-nadia-def

Il percorso di psicoterapia psicoanalitica seguito dalla Dott.ssa Nadia Barberis, Psicoterapeuta Messina, è un’esperienza per questo motivo non è facile definirla, bisogna viverla, ed esistono tanti percorsi quante sono le coppie analista-paziente, questo non significa che il terapeuta improvvisa, significa piuttosto che egli sa adattare la formazione ricevuta al quel determinato paziente, inoltre, dire che esistono tante psicoterapie psicoanalitiche quante sono le coppie terapeuta-paziente significa riconoscere anche l’importante contributo apportato da quest’ultimo. Nella psicoterapia psicoanalitica non esistono piani terapeutici da seguire specifici per ogni disturbo, perché viene riconosciuta l’unicità di ogni paziente, il fatto è che nelle nostre stanze non arrivano patologie, ma persone e poiché ogni persona è diversa dall’altra non è detto che ciò che va bene per un paziente possa andare bene per l’altro, per questo la flessibilità è importante.

Durante le sedute si chiede al paziente di seguire la “regola fondamentale”, che consiste nel dire liberamente tutto ciò che gli passa per la mente, anche i sogni, senza censure, al fine di produrre quelle che Freud definì “libere associazioni”.

Molto di quello che avviene durante le sedute appartiene al livello inconscio, da qui nasce la difficoltà di definire la psicoterapia psicoanalitica, la parola attiene alla logica asimmetrica, mentre alcuni dei fenomeni che accadono durante le sedute possono solo essere compresi attraverso la logica simmetrica, quindi non possono essere definiti ma possono essere esperiti.

Per tali motivi non è possibile rispondere pienamente alla domanda iniziale, qualunque risposta lascerà sempre un certo spazio insaturo, perché se lo spazio fosse saturo allora non sarebbe psicoterapia psicoanalitica, sarebbe altro.